Close

31 Maggio 2016

“Skill Shortage” in Cyber Security? La risposta dal Master del Distretto Cyber Security di Poste Italiane

Costruire talenti utili al Paese”, questo è stato il principio conduttore del Master in Cyber Security del Distretto Cyber Security di Poste Italiane a Cosenza che si è concluso, il 26 Maggio , con la proclamazione di nuovi giovani esperti in Sicurezza Informatica.

Un’ azione formativa di 1500 ore che ha generato valore, competenze e reali opportunità per 54 neolaureati.

Lo “Skill Shortage”, relativo alla carenza di risorse e professionalità in un settore cosi delicato e sempre più importante per il Paese, è un ambito su cui Poste Italiane ha voluto dare il suo contributo specifico attraverso la definizione e l’erogazione del Master in Cyber Security, tenuto presso il Distretto Cyber Security di Poste Italiane ed articolato in tre corsi formativi, coordinati da Poste Italiane ed organizzati in collaborazione con l’Università della Calabria e NTT Data, finalizzati alla preparazione di professionisti esperti in Cyber Security.

I corsi hanno indirizzato tematiche di estremo interesse su cui il mercato richiede sempre di più competenze aggiornate e qualificate.

In particolare le direttici formative sono state relative a :

  • Protezione dell’End User (AF1)

Progettazione e Realizzazione di Piattaforme Informatiche per la Protezione dell’Utente Finale nel Cyber Spazio”, in grado di proteggere gli utenti finali che usufruiscono di servizi (privati e/o aziendali) erogati attraverso Internet da possibili attacchi fraudolenti.

  • Protezione dei servizi digitali e di pagamento elettronico ( AF2)

Progettazione e Realizzazione di Piattaforme Informatiche per la Protezione dei Servizi Digitali e di Pagamento Elettronico”, per l’analisi predittiva delle minacce, il monitoraggio dei rischi, l’analisi forense degli incidenti e la protezione delle identità elettroniche degli utenti.

  • Dematerializzazione Sicura (AF3)

“Progettazione e Realizzazione di Piattaforme Informatiche per Dematerializzazione Sicura”, per la realizzazione di sistemi di sicurezza specifici.

E’ importate sottolineare che tutti i partecipanti hanno anche seguito un percorso di certificazione che ha permesso di sostenere e superare gli esami per conseguire due prime importanti certificazioni di Cyber Security :

  • Lead auditor ISO/IEC 27001 (BSI)
  • ISO 22301 – Continuità Operativa(BSI)

Le 1500 ore, nell’ambito di ciascun corso, sono state suddivise in 900 ore di formazione in aula e 600 di training on the job, collocato all’interno di un percorso di inserimento lavorativo, presso Poste Italiane e le altre aziende partner del Distretto nonché nelle sedi di ulteriori grandi aziende del settore.

Quest’ultima fase ha visto la partecipazione attiva degli studenti presso realtà industriali dove, guidati da tutor esperti, hanno potuto applicare operativamente quanto appreso sviluppando modelli, metodologie, software, strumenti e prototipi.

Gli studenti, hanno sostenuto l’esame finale all’interno di una sessione articolata in due giornate, presentando i lavori di fine corso alle commissioni composte dai migliori specialisti del settore sia appartenenti all’ambito accademico che all’ambito industriale.

Nel corso della prima giornata hanno discusso i propri lavori le classi AF3 ed AF2, mentre durante la giornata conclusiva del 26 Maggio, sono stati esaminati i lavori della classe AF1.

Tutti i lavori presentati sono stati di altissimo valore e di estremo interesse ed hanno dimostrato non soltanto il livello qualitativo raggiunto ma anche l’impegno, la costanza e la determinazione degli studenti finalizzati al raggiungimento di questo importante obiettivo.

La cerimonia di proclamazione si è conclusa con la consegna degli attestati da parte della Commissione presieduta dall’ Ing Rocco Mammoliti di Poste Italiane e composta da :

  • Ing Rocco Mammoliti (Responsabile Tecnico-Scientifico e Coordinatore del Distretto Cyber Security – Poste Italiane)
  • Dott. Giampaolo Scafuro (Responsabile Scientifico per l’ Azione di Formazione Cyber Security – Poste Italiane)
  • Prof. Domenico Saccà (Responsabile Scientifico per l’ Azione di Formazione AF2 al DIMES: Dipartimento di Ingegneria Informatica, Modellistica, Elettronica e Sistemistica, Università della Calabria )
  • Prof. Sergio Greco ( Direttore del DIMES (dipartimento di Ingegneria Informatica, Modellistica e Sistemistica) dell’Università della Calabria e Responsabile Scientifico DIMES per le Azioni di Formazione AF1 e AF3)
  • Prof. Luciano Mallamaci (Direttore Tecnico del Centro di Competenza ICT SUD s.c.r.l. ed esperto ICT)
  • Prof. Paolo Naggar ( Esperto in Tecnologia della Informazione )
  • Dott.ssa Alessandra Toma ( Responsabile Centro Servizi Privacy – Poste Italiane)
  • Ing. Giorgio Scarpelli ( CTO – NTTdata)
  • Ing. Alfredo Mazzitelli (Security expert – NTTdata)

Al termine della cerimonia sono stati formulati da parte dei commissari di messaggi di ringraziamento, di auguri ed incoraggiamento ai neo esperti in Cyber Security .

A valle di questo bellissimo ed entusiasmante percorso c’è un altro eccellente risultato raggiunto : i 54 neolaureati hanno già tutti delle proposte di stage e/o assunzione presso presso i partner di progetto o altre importanti realtà industriali portando valore e professionalità sul mercato italiano ed incrementando il know how sulla Cyber Security anche nell’ambito dei sistema economico del territorio.

I risultati ottenuti sono frutto di una continua attenzione verso l’innovazione, delle sinergie e del connubio di competenze tra il mondo accademico e quello industriale, che trova vita proprio presso il Distretto Cyber Security, rendendo tale Centro una delle realtà più innovative e produttive del Sud Italia dove ci sono tutti i presupposti per costruire l’eccellenza che può essere utile a tutto il Paese. «Un modello di sviluppo che – come ha recentemente affermato l’AD Francesco Caio – non distingue più chi studia, chi ricerca, chi lavora, ma che mette lo sviluppo del sapere e delle nostre competenze al servizio del Paese […] senza andar via da questa terra, ma attraendo in questa terra il capitale dello sviluppo»

la Cyber Security è un viaggio e non una destinazione” ed in questo percorso virtuoso, vogliamo includere altri Cyber Lab, Cluster o realtà industriali ed Università con cui lavorare in modo sinergico su nuovi e sfidanti futuri obiettivi formativi e tecnologici affinchè Il Distretto Cyber Security, coordinato da Poste Italiane, sia non solo un volano per la crescita e la digitalizzazione del Paese ma rappresenti sempre, per i giovani, un punto di riferimento dove poter sviluppare know how e competenze per realizzare i loro sogni.

“Skill Shortage” in Cyber Security? La risposta dal Master del Distretto Cyber Security di Poste Italiane ultima modifica: 2016-05-31T12:41:26+00:00 da Cyrano

31 Maggio 2016